'E PALUMBI
Il toponimo è incerto. C'è chi lo fa discendere da una famiglia che qui viveva e che di cognome faceva Palumbo, (tra l'altro diffusissimo ad Avellino) e chi, invece, lo attribuisce ai colombi (in dialetto palumbo) che i Longobardi qui cacciavano stendendo reti tra torri costruite appositamente. La zona fu interessata, subito dopo la guerra, da un intervento di edilizia popolare di un certo livello che proponeva il tema della casa minima. Il risultato finale era interessante e avrebbe meritato una attenzione che, purtroppo, non ha avuto.